Quali soluzioni sei disposto a provare?

Dalla sociocrazia arriva un concetto molto semplice e intuitivo: riconoscere in ogni momento qual è la soluzione che ritengo ideale e quali altre soluzioni posso ritenere accettabili da provare.
Troppo spesso vedo riunioni e lavori di team rallentati da qualcuno che insiste sulla propria soluzione senza accorgersi che ce ne sono altre che risolvono il problema Continua a leggere Quali soluzioni sei disposto a provare?

Le mission ci hanno portato fin qui, le purpose ci permetteranno di migliorare il mondo

Recentemente ad un evento sul self management un consulente ha introdotto l’argomento purpose con la domanda: “cosa vi fa uscire dal letto la mattina?”.
Come individui diamo il meglio di noi stessi se sentiamo che quello che facciamo ha un fine più alto del semplice guadagno, e le aziende essendo gruppi di individui non fanno eccezione.
Solitamente quello che dovrebbe guidare un’azienda è la sua mission, ma troppo spesso questa si concentra sul produrre il miglior prodotto o dare il miglior servizio al cliente.

Continua a leggere Le mission ci hanno portato fin qui, le purpose ci permetteranno di migliorare il mondo

Ma in che azienda vivi?!? Scoprilo con questa mappa!

Sono davvero contento di aver partecipato a questa traduzione.
Si tratta di uno strumento che racchiude in forma sintetica tutti i messaggi del libro di Frederic Laloux: “reinventing organizations”.
I possibili usi Continua a leggere Ma in che azienda vivi?!? Scoprilo con questa mappa!

Siete una startup? Autoorganizzatevi!

Prima di congelarvi in una struttura rigida e non evolutiva date uno sguardo ai nuovi modelli.
Mantenere la giusta flessibilità e combinarla con la chiarezza organizzativa è la strada migliore per impiegare al meglio le persone disponibili e anche per definire chi manca nel vostro team.

La startup ha alcuni bisogni particolari difficili da soddisfare con una configurazione tradizionale:

Continua a leggere Siete una startup? Autoorganizzatevi!

Sociocrazia “per tutti”

sociocrazia governance dinamica.jpg

Grazie a Sociocracy For All ho potuto tradurre questa bella infografica.
Gli elementi più interessanti del metodo ci sono tutti, sbirciate e lasciatevi incuriosire.

Di seguito trovate invece il riferimento a un testo, consigliato caldamente a chi ha partecipato al workshop del 26/10, tradotto in collaborazione con altri appassionati di autoorganizzazione

Cosa succede se non si lavora sull’organizzazione?

Ci aspettiamo che i leader plasmino un team efficace ed efficiente ma che mezzi gli diamo?
Il mio pensiero è che:
1. l’organizzazione debba essere disegnata e definita nei suoi sistemi di funzionamento di base per garantire un approccio uniforme
2. i capi siano aiutati nei loro punti deboli per mantenere limitati i rischi di instabilità.

Si potrebbe pensare ad un gruppo di manager che si confrontano e che si aiutano ma non solo, anche un coinvolgimento dei dipendenti e degli altri stakeholders sarebbe una grande opportunità.
Perchè in fondo l’azienda è la nostra casa per tante ore al giorno e può essere veicolo delle nostre aspirazioni e della nostra realizzazione, quindi perchè non curarla?

 

Riunioni: c’è luce in fondo al tunnel!

Ormai in certe aziende il tempo speso in riunioni supera quello dedicato a creare valore.
Anche senza arrivare a questi estremi gestire bene gli incontri è fondamentale. Allora perchè spesso sembra di non concludere nulla?

Vi do la mia interpretazione e, come sempre, il punto di vista diverso che arriva con i nuovi modelli organizzativi.